A Oeiras il concorso enologico internazionale “La Selezione del Sindaco”

glasses-341552_1280

Si svolgerà a Oeiras in Portogallo dal 29 al 31 maggio il concorso enologico internazionale “La Selezione del Sindaco 2015” promosso dall’associazione nazionale Città del Vino. C’è tempo fino al 18 maggio per iscriversi e i vini dovranno pervenire nella sede del concorso entro le ore 17 del 21 maggio, dove poi nei giorni a seguire saranno esaminati dalle commissioni d’assaggio all’interno del Palazzo dei Marchesi di Pombal, una famiglia legata alla storia del vino Porto che caratterizza la produzione vinicola del Portogallo.

Le aziende viti-vinicole, che ricadono nelle città del Vino italiane e straniere, potranno partecipare insieme al comune di appartenenza, sarà criterio di ammissione una produzione minima di 1.000 bottiglie e massima di 50.000 unità.

Dal concorso un’attenzione particolare sarà riservata inoltre ai vitigni autoctoni, molte poi le categorie previste, dai migliori Passiti al Forum degli Spumanti, dal vino bio ai vini fatti in argilla. Ai primi classificati in premio la presentazione all’Expo di Milano, nel padiglione Italia con il patrocinio del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Ad oggi solo per l’Italia si sono iscritte già le cantine di 450 comuni e dal Brasile è arrivato il primo partecipante del nuovo mondo, la vinicola Fazenda Santa Rita di Vacaria, città vitivinicola della regione Rio Grande Do Sul.

Per informazioni potete visitate il sito dell’Associazione nazionale Città del vino, un’associazione fondata nel 1987 da 39 sindaci che si riunirono per la prima volta a Siena per dare vita al “rinascimento” del vino italiano dopo l’anno del metanolo che gettò nella disperazione il sistema vinicolo del nostro paese. Un’intuizione di allora che oggi è una realtà che rappresenta il 6% dei comuni italiani e il 70% del vigneto nostrano e che da anni punta su una valorizzazione dei vitigni autoctoni e antichi dell’Italia contro la pratica della manipolazione genetica del vino e della vite.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *