Primo trimestre 2015. Export +3%, l’Italia può vincere sulla qualità

bottle-92418_1280

Un dato positivo nell’export mondiale del vino si registra per il primo trimestre 2015, questo è quanto rilevato in un’analisi di settore da parte dell’istituto Ismea riportata sul sito wine2wine.net, dove potete trovare anche il report completo.

Nei primi tre mesi del 2015 infatti la domanda estera ha registrato dati in positivo, un +3% di milioni di ettolitri scambiati e un +8% in termini di valore espresso in euro.

A guidare la classifica, confermando la tendenza del 2014,  rimane stabile la Spagna con 5,7 milioni di ettolitri (+13%), a seguire l’Italia con un -2% di ettolitri esportati ma con un +4% in termini di introiti.

È necessario a questo punto fare una distinzione tra vino sfuso e vino confezionato. Per il primo tipo si registra una buona performance a livello mondiale che registra un aumento di domanda in Francia, in Portogallo, in Canada e in Italia, mentre segna una battuta d’arresto negli USA e un rallentamento in Germania e nel Regno Unito. Per quel che riguarda invece i vini confezionati mentre diminuiscono i quantitativi aumenta però l’entità degli introiti, in Cina si segna poi la domanda più crescente di questa tipologia con un +31%.

L’Italia gioca poi un ruolo importante nell’esportazione delle bollicine con un +24% in volume e un +23% in valore. È il Prosecco poi a farla da padrone con una quota sul totale che supera il 70%, mentre si segnala ormai una costante inflessione nell’export dell’Asti, che cresce però in Russia con un +5% rappresentando il 41% delle bollicine esportate nella Federazione Russa.

Da segnalare infine una tendenza al ribasso dei prezzi sui mercati internazionali del vino comune, a causa dell’abbassamento dei listini dei vini spagnoli. Per quello che riguarda l’Italia si registra, infatti, un -25% per il vino comune bianco e un -7% per i vini rossi e rosati. In controtendenza invece i vini Dop italiani con un +4%.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *